In primo piano

Ultimi aggiornamenti

wil
Comunicato stampa

Altri due suicidi nelle carceri italiane, due i morti in meno di 24 ore. Sono trenta le persone ristrette che dall’inizio dell’anno si sono tolte la vita: 29 negli Istituti di pena e una ricoverata in una Rems. Questa mattina è deceduto nel reparto di rianimazione del locale ospedale un cittadino tunisino di 33 anni che una settimana fa nell’Istituto di La Spezia si era impiccato nella sua stanza. 

Leggi tutto

Rapporti

22/06/2018
Rapporto sulla visita nella Regione Abruzzo

Il Garante Nazionale ha effettuato una visita della durata di cinque giorni nella regione dell’Abruzzo, dal 3 al 7 luglio 2017.

La Regione Abruzzo è dotata della L.R. 23 agosto 2011 n.35 che istituisce l’Ufficio del Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale ma, come è noto, il Consiglio Regionale non ha tuttora provveduto all’elezione del Garante.

La visita del Garante Nazionale nel territorio abruzzese segue, pertanto, l’opzione programmatica di dare priorità alle regioni prive della figura istituzionale di garanzia e di controllo.

09/01/2018
Rapporto sul monitoraggio di un volo charter per il rimpatrio di cittadini tunisini operato dal Ministero dell’Interno italiano con il supporto dell’Agenzia Frontex

Vista la designazione del Garante Nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale (Garante NPL) quale organo di monitoraggio indipendente dei rimpatri forzati, di cui all’articolo 8 punto 6 della direttiva 115/CE/2008 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’Unione Europea, una delegazione dell’Ufficio del Garante NPL, ha proceduto a monitorare, il 13 luglio 2017, un volo charter organizzato dal Ministero dell’Interno, finanziato da Frontex e destinato al rimpatrio di cittadini tunisini.

09/04/2018
Rapporto sul monitoraggio di un’operazione di rimpatrio forzato di cittadini tunisini tramite volo charter

Il 26 e 27 novembre si è proceduto a monitorare un’operazione di rimpatrio forzato di cittadini tunisini provenienti dai Centro di permanenza per il rimpatrio (CPR) di Bari e Caltanissetta.
Al monitoraggio, considerata la sua adesione al progetto “Realizzazione di un sistema di rimpatri forzati” finanziato al Garante Nazionale dal Fondo Asilo Migrazione Integrazione 2014/20201, durante la fase pre-ritorno presso il CPR di Bari ha partecipato anche il Garante della Regione Puglia accompagnato da un suo collaboratore.