a

Proroga termini al 18 febbraio 2019 per la concessione di borse di studio in favore di studenti residenti in Sicilia, figli di genitori detenuti o in esecuzione penale esterna, per incentivarne la prosecuzione degli studi

Tra i compiti che la legge regionale istitutiva ha affidato al Garante regionale per la tutela dei diritti fondamentali dei detenuti rientrano glj interventi a sostegno della famiglia e, in particolare, dei figli minorenni. Per il perseguimento di tali finalità e quale aiuto concreto alle famiglie, il Garante ha destinato risorse del bilancio 2018 alla concessione di borse di studio finalizzate a promuovere l'accesso agli studi superiori ai figli residenti in Sicilia di detenuti o di soggetti 1n esecuzione penale esterna, che versino in condizioni economiche precarie.

L'ammontare complessivo delle risorse messe a disposizione del presente avviso è pari a € 20.000,00 (Euroventimila), ripartite nel modo seguente:

n. 30 borse di studio dell'importo di € 400,00 (Euroquattrocento) cadauna in favore di studenti meritevoli che nell'anno scolastico 2017-2018 abbiano conseguito il diploma di scuola secondaria di primo grado e che entro la data di presentazione dell'istanza per il presente avviso si siano già iscritti al primo anno di un qualunque corso di studi di scuola secondaria di secondo grado;

n. 10 borse di studio di € 800,00  (Euroottocento)  cadauna in favore di studenti  meritevoli in possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado e che entro la data di presentazione dell'istanza per il presente avviso si siano già iscritti per l'anno accademico 2018-2019 al primo anno di un corso di studi universitari per il conseguimento della laurea triennale o magistrale.

Il numero delle borse di studio di ciascun gruppo potrà eventualmente essere aumentato entro illimite massimo di spesa di ulteriori €10.000,00 (Eurodiecirnila) rispetto alla dotazione finanziaria iniziale, in modo da consentire l'assegnazione della borsa a tutti i candidati che si classificheranno a pari merito con gli ultimi candidati collocati  util ente nelle relative graduatorie  redatte secondo i parametri riferiti al voto del diploma e al reddito ISEE ordinario del nucleo familiare.

In caso di insufficienza delle risorse, rispetto a tutti gli aventi titolo in posizione utile ultima ex aequo delle  rispettive  graduatorie,  si  procederà  ad  individuare  i  beneficiari  per  ordine d'età privilegiando i più giovani e fino ad esaurimento delle risorse come sopra incrementate.